La tecnologia che sta dietro AnyDesk: semplice, convincente!

Cosa si nasconde dietro AnyDesk? Perché AnyDesk è tanto superiore a tutte le soluzioni di desktop remoto e screensharing finora disponibili? Un approccio tecnico completamente nuovo nel design e nell’implementazione del software è alla base di questo rendimento:

Compressione video specifica per interfacce grafiche

Le soluzioni di screensharing e desktop remoto finora disponibili applicano un processo di riduzione dei dati dell’immagine superato e perciò a basso rendimento (ad es. X11, RDP, VNC), oppure un processo elaborato per materiale visivo come foto e film, che mal si adatta alla trasmissione di interfacce grafiche con le loro specifiche proprietà dell’immagine (JPEG, H.264). Bassa frequenza dell’immagine, bassa qualità dell’immagine e alto utilizzo della rete rendono impossibile un flusso di lavoro rilassato.

AnyDesk applica con DeskRT un processo elaborato specificamente per interfacce grafiche (Codec). Le proprietà specifiche del materiale visivo, come grandi superfici monocromatiche, alti contrasti, bordi netti, ripetizione nel tempo e nello spazio di elementi dell’immagine o lo spostamento dei contenuti dell’immagine, vengono sfruttate in modo efficiente da DeskRT e restituite in ottima qualità.

Profonda integrazione nel sistema operativo

Per fornire a DeskRT sufficiente materiale visivo sempre attuale è assolutamente necessario estrarlo direttamente dal sistema operativo. Le interfacce di uso comune, però, sono generalmente inefficienti sotto questo aspetto.

Grazie a una vasta conoscenza del funzionamento interno del sistema operativo abbiamo potuto sviluppare AnyDesk in modo che riceva i dati dell’immagine dal sistema operativo sempre con la massima efficienza. A determinate condizioni è possibile persino vedere un’immagine trasmessa tramite AnyDesk prima che appaia sullo schermo del computer sorgente. Ma anche in condizioni normali non sono inusuali frequenze di 60 immagini al secondo e una latenza di meno di 16 millisecondi.

Architettura di sistema orientata all’efficienza

Per raggiungere la bassa latenza e l’alta frequenza dell’immagine di AnyDesk è importante elaborare i dati dell’immagine in arrivo nel modo più efficiente possibile. Oltre ad algoritmi di elaborazione corrispondentemente efficienti è necessario prestare particolare attenzione affinché le grandi quantità di dati non vengano copiate inutilmente nella memoria del computer. Questa impostazione ha conseguenze immediate sul design dell’architettura del software.

Il cosiddetto Zero-Copy-Design di AnyDesk assicura che i dati dell’immagine vengano portati “on line” o sullo schermo in meno fasi di lavoro possibili, soltanto quelle strettamente necessarie. Per raggiungere questo scopo nello sviluppo di AnyDesk si è rinunciato quasi interamente a componenti standard e biblioteche del software.

Massima idoneità per i moderni processori

Gli schermi e le loro risoluzioni diventano sempre più grandi; e così anche la quantità di dati dell’immagine da elaborare. La frequenza di battuta dei moderni processori, però, non aumenta più. In cambio, però, aumenta costantemente il numero dei core dei processori. Perciò è molto importante per i software moderni, a maggiore intensità di dati, impostare più fasi possibili dell’elaborazione dei dati in modo parallelizzabile.

L’elaborazione delle immagini di AnyDesk è stata progettata fin dal principio per l’utilizzo con processori multi-core. Gran parte del lavoro è parallelizzabile e può essere distribuito uniformemente su tutti i core del processore.

Architettura multi-processo

Esattamente come i moderni browser www, anche AnyDesk punta su un’architettura multi-processo. Questo aumenta notevolmente la robustezza poiché le conseguenze di un crash sono limitate localmente. Se sono aperte parallelamente diverse sessioni di AnyDesk - non importa se in entrata o in uscita - in seguito a un errore del programma si chiude sempre soltanto la sessione interessata. Le altre sessioni continuano a funzionare senza variazioni.

Anche la sicurezza di AnyDesk viene migliorata grazie all’architettura multi-processo: essa rende possibile che soltanto le parti del programma che ne hanno veramente bisogno ottengano dal sistema operativo maggiori diritti di accesso.

Server di rete fail-safe grazie alla tecnologia Erlang

I server che rendono possibile la messa in rete degli utenti AnyDesk puntano con Erlang su una tecnologia che è stata sviluppata specificamente per applicazioni di telecomunicazione fail-safe.

In particolare, la robustezza e l’ottimizzazione a basse latenze vanno a diretto vantaggio degli utenti AnyDesk.

Al contrario di molti prodotti della concorrenza, le varianti a pagamento di AnyDesk offrono perciò una disponibilità minima garantita (SLA).

AnyDesk a confronto: la soluzione di screensharing più veloce al mondo!

A confronto con tutti i più diffusi prodotti della concorrenza, AnyDesk è sempre in vantaggio per la frequenza delle immagini e per la latenza. Questo si può dimostrare facilmente grazie ai benchmarks. Anche la qualità dell’immagine è quasi sempre migliore.

Benchmark PDF